La Belle Époque in mostra alla GAMManzoni

Giuseppe De Nittis, Leontine in canotto (1875)

La chiamavano Belle Époque, perché dopo tutto sarebbe cambiato – sarebbe stato meno “bello”, forse, con due guerre mondiali e gli anni neri dei totalitarismi. E’ il periodo di Proust, D’Annunzio, Wilde e Candy Candy, degli abiti bianchi in stile meringa e dei grandi cappelli pieni di fiori e fiocchi, di carrozze a cavalli e delle prime automobili.

belle-epoque-parigi-10

Un’epoca “bella” a cui la GAMManzoni dedica, da oggi fino al 21 febbraio 2016, una mostra dal titolo “La Parigi di Boldini, De Nittis e Zandomeneghi”, che ripercorre, attraverso una preziosa selezione di 35 opere, le tappe fondamentali della carriera dei tre “Italiens de Paris”, che seppero interpretare i sogni di un mondo in bilico fra Otto e Novecento, e in particolare quello della Parigi della Belle Époque, nella quale decisero di vivere stabilmente, condividendo amici, fama e successo. La vita borghese, i salotti parigini, l’atmosfera effervescente e modaiola, l’eleganza di uno stile di vita che affascina ancora oggi. Tra nostalgia e meraviglia, da vedere.

Belle Epoque_1

Da martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19; lunedì chiuso. Biglietto intero € 6, ridotto € 5 per le scolaresche e per gruppi compresi tra le 10 e le 25 persone, soci Fai e soci Touring Club.

 

Potrebbe piacerti anche

Login

Reimposta password