Capodanno Cinese 2016, al via l’anno della Scimmia

lanterne-rosse

Il 2016 è l’anno della Scimmia, il nono dei dodici animali che nello zodiaco cinese è immediatamente dopo la Capra. La “Festa di inaugurazione del nuovo anno orientale della Scimmia”, nota anche come Festa della Primavera o Capodanno cinese 2016, è iniziata l’8 febbraio e coinvolgerà, domenica 14, il ventaglio di strade tra piazza Gramsci e via Paolo Sarpi, nella Chinatown meneghina. A variegare le passeggiate degli innamorati nel giorno del santo più amato (e vituperato, per chi è single) del calendario, ci saranno draghi e leoni,

Capodanno-cinese-4

spettacolari coreografie e cascate di fiori, costumi sgargianti, ombrellini e ventagli che animeranno l’annuale parata dei figuranti a suon di musica e tamburi. La tradizionale sfilata parte alle 14 e prevede danze folcloristiche ed esibizioni di discipline cinesi. La manifestazione avrà termine nel tardo pomeriggio con arrivo alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini 4. Qui – tempo permettendo – è in programma un suggestivo lancio di lanterne cui i partecipanti affideranno i loro desideri, secondo la tradizione, non solo cinese, che affida al cielo i

Capodanno-cinese-a-Shangai

propri migliori auspici per l’anno nuovo (e perché no, anche per San Valentino). L’intero evento è a cura dell’associazione Diamocilamano e del coordinamento delle Associazioni Cinesi di Milano. I nati della Scimmia, tradizionalmente considerati di natura eccentrica e arguta nello zodiaco cinese, dovranno aspettare fino al 2028 per festeggiare il loro prossimo anno.

Potrebbe piacerti anche

Login

Reimposta password