Testastorta, l’orrore della Storia negli occhi di un bambino al Teatro Libero

thumb_55e6d87b3f3092dd728b4606_default_large

In occasione della Giornata della Memoria la compagnia Chronos3 torna a Teatro Libero, dal 25 al 31 gennaio 2016, con un nuovo spettacolo in prima nazionale, Testastorta – La storia inventata, tratto dal romanzo Testastorta di Nava Semel. Italia del Nord, Seconda guerra mondiale. Tommaso ha otto anni quando viene adottato da una

la-storia-inventata-3madre e una figlia dal passato turbolento e qualche segreto che abitano un’immensa cascina in mezzo alla campagna. Presto Tommaso si rende conto che nella soffitta, nella parte diroccata della cascina, c’è nascosto qualcosa. O qualcuno. La storia inventata è una mistery story: nella soffitta c’è davvero qualcosa, oppure sono tutte invenzioni di Tommaso? La fantasia di Tommaso si scatena fino a far emergere una sconvolgente verità che lo riguarda da vicino. Quali mosse faranno i personaggi per salvare le loro anime dalla guerra? La vicenda parla proprio di questo: il prezzo che siamo disposti a pagare per mantenere la nostra umanità anche in circostanze terribili. Adattato per la scena da Tobia Rossi per la

Testastorta_La storia inventataregia di Manuel Renga, lo spettacolo conta su una coppia di attori molto amata, Alessandro Lussiana e Valeria Perdonò, che il pubblico milanese ha applaudito la scorsa stagione nello spettacolo After the end. Una favola per adulti sospesa tra fantasia e Storia che racconta – attraverso lo sguardo sognante e spietato di un bambino – gli orrori della guerra, i buchi neri della nostra coscienza collettiva. Teatro Libero, Via Savona 10, biglietto intero € 21,00 ridotto under26 e over60 € 15,00.

 

Potrebbe piacerti anche

0 commenti

Login

Reimposta password